Translator

Italiano flagInglese flagFrancese flagTedesco flag
Giapponese flagRusso flagSpagnolo flagTurco flag

Siti Partners


Sito Sponsor

Pirati di Xandria

Angels in Action


Meets Johnny


Dark Shadows London Première
Cannes 2011
The Tourist Premeière Roma
Riprese di The Tourist
Festival di Venezia 2007

Tim Burton

10 Ottobre 2012: Cristina membro del nostro fans club, intervista Tim Burton al London Film Festival!
GUARDA IL VIDEO DELL'INTERVISTA A TIM BURTON | Ours Christina INTERVIEW TIM BURTON

Depp Heaven interview Tim Burtont
maggio: 2012
L M M G V S D
« apr   giu »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivi del giorno: 12 maggio 2012

Johnny Depp e Tim Burton, uomini dell’ombra

Depp non fa proclami riguardo le proprie inclinazioni, quando è vicino a Burton entra in una tendenza, uno stato giocoso. Durante l’intervista, Tim estrae dalla propria giacca un giocattolo sonoro. Comincia ad utilizzarlo con Depp come due bambini con i walkie-talkies.

“Salva il dramma per la mamma,” spara a Depp Burton.

“Non è omofobia, dolcezza,” Burton auto-replica. ”Tutti ti odiano”.

Anche quando è il momento di parlare del lavoro, Burton continua ad armeggiare con il giocattolo. “Com’è lavorare con Depp?” chiede al giocattolo. Tim mette poi da parte il giocattolo e ride ancora assieme a Johnny. “Lincenziamoci tutti!” Continua Burton. “Non sarebbe grandioso? Avresti grandi citazioni per questa intervista”.

Depp-Burton è la coppia Hollywoodiana con il più lungo matrimonio professionale.

“Ci piacciono i personaggi che non si sentono a loro agio” Rivela Depp.

Sul fatto che Depp non riguarda mai i propri film, afferma ”Io non voglio correre e guardare un colpo attraverso un monitor. Questo non migliora quello che sto cercando di fare. Immagino che, una volta fatto il mio lavoro, non è più affar mio.”

Burton ride, poi afferma che non ha mai visto un proprio film assieme a Johnny dopo averlo editato.

Depp afferma “Se Tim afferma che una storia vale la pena di raccontarla, io mi fido di lui completamente” e Burton aggiunge che Depp mette tutto quello che ha in ogni ruolo, persino nella tv, come fece con 21 Jump Street, dal quale Depp si lincenziò a causa di un eccessivo fanatismo da parte delle proprie ammiratrici.

“Johnny non ha paura di prendere  parti che potrebbero portarlo alla fine della propria carriera”, dice Richard Zanuck, che ha prodotto la metà dei film del duo, tra cuiShadows. ”Tim la pensa alla stessa maniera”

Altri attori/attrici di Shadows ci parlano della chimica che c’è nella coppia:

“Sono quasi simbiotici, uno finisce le frasi dell’altro” dice Bella Heathcote.

Johnny risponde dicendo “Non penso che riusciremmo a finire una frase sensata senza l’aiuto dell’altro”

“Com’è lavorare con Burton” chiede Depp al giocattolo.

“Favolosooooo!”

“Let’s get one thing straight,” Johnny Depp lip-syncs to a toy before a gaggle of handlers. “I’m not.”

Except these gadgets — two That’s So Gay! sound machines — do the chattering for them. Sassy chattering.

“Save the drama for your mama,” Depp fires at Burton.

“It’s not homophobia, sugar,” Burton auto-retorts. “Everyone hates you.”

Even when it’s time to talk shop, Burton keeps the toy. “What’s it like to work with Johnny Depp?” he begins the interview by asking the gadget.

“You’re a hot mess and I love it.”

Burton sets the device aside, though he and Depp are still laughing — and game for an experimental interview.

Play Video‘Dark Shadows’ Clip: Stay away from that man

“Let’s all get fired!” Burton suggests. “Wouldn’t that be great? You’d get great quotes. We could do the whole interview this way.”[...]

FULL ARTICLE HERE

Fonte   | Commenta sul forum

Dark Shadows – Johnny Depp alla premiere giapponese

 

Commenta sul forum.

Johnny Depp on Ellen Degeneres – Full video

Ecco l’intero video della puntata di Ellen Degeneres dell’ 8 maggio,in cui è stato ospite Johnny Depp dcon Michhelle Pfiffer e Cloe Morets per la promozione di Dark Shadows.

Commenta sul forum.

Dark Shadows su TV Sorrisi & Canzoni – Scan Magazine

Dark Shadows su TV Sorrisi e Canzoni n° 20.

Non ci sono più i vampiri di una volta. I Nosferatu del terzo millennio o sono giovani, carini e romantici come quelli di «Twilight», o sono dei gigolò un po’ rintronati, però divertenti, come Johnny Depp in «Dark Shadows». Signore e signori, ecco a voi Barnabas Collins (nuova creatura di Tim Burton), il dongiovanni trasformato in vampiro da una strega gelosa, seppellito e infine risorto nel magico mondo degli Anni 70.

L’idea in realtà non è originale. Burton l’ha ricavata (e reinventata) da una vecchia soap opera andata in onda fra il 1966 e il 1971, già onorata da rifacimenti e remake. Il primo, vecchio «Dark Shadows» era una serie tenebrosa di oltre 1.200 puntate, zeppa di mostri e colpi di scena, diventata di culto negli Usa ma da noi praticamente sconosciuta. Perno della serie era proprio Barnabas Collins, allora interpretato da Jonathan Frid: entrato nel cast dopo decine di puntate, ne è subito diventato il personaggio chiave. Tim Burton ha ripreso l’intreccio di base della soap e lo ha rivisto secondo il suo immaginario pop-disneyano: gusto del colore, amore per la parodia, mix di orrore e comicità, sfondo romantico. Gli stessi ingredienti dei suoi film più tenebrosi, da «Edward mani di forbice» al «Mistero di Sleepy Hollow», col tipico gusto un po’ blasfemo che ama sfoderare al momento di rivisitare un classico (com’era già successo per «Alice in Wonderland» o «Batman – il ritorno»). Lo spunto comico della pellicola si basa sulla meraviglia di Barnabas, playboy settecentesco dall’eloquio aulico, a contatto con i problemi dei suoi discendenti moderni, e soprattutto con le mostruosità estetiche e tecnologiche degli Anni 70 (inclusa la Tv: «Che sortilegio è questo!?»)

Le riprese si sono svolte quasi tutte in Inghilterra e Scozia, con l’intero villaggio di Collinwood ricostruito dentro gli studi Pinewood. E poi: scene di fantasmi girate sott’acqua, costumi del Settecento e del Novecento volutamente mescolati, una fotografia tenebrosa che Burton ha cercato il più possibile simile a quella degli horror Anni 70.

Insomma, siamo di fronte al più tipico dei film di Tim Burton, buffo e pauroso al tempo stesso, e con un cast terrificante. Barnabas è interpretato dall’attore preferito del regista, Johnny Depp, con il fisico di qualche anno fa (ricordate com’era diventato rotondo in «The Tourist»?): nutrendosi per mesi di frutta e tè verde è riuscito a buttare giù 10 chili. La strega Angelique ha gli occhi azzurri e il profilo morbido di Eva Green: la ragazza francese dei «Dreamers» di Bertolucci, nonché grande amore di Daniel Craig – 007 in «Casino Royale», ha soffiato il ruolo a Jennifer Lawrence, l’eroina di «Hunger Games». La severa matriarca discendente di Barnabas, Elizabeth Collins, è invece Michelle Pfeiffer (già Catwoman per Burton in «Batman – Il ritorno»). La nipotina annoiata Carolyn è Chloe Moretz, appena vista in «Hugo» di Scorsese, già vampirella nel recente «Blood Story». La sbigottita psichiatra Julia Hoffman è infine Helena Bonham-Carter, la regina madre del «Discorso del re», da tempo compagna di Burton.

Occhio ai camei e alle comparsate: si va dal mitico Christopher Lee (protagonista di «Dracula il vampiro» del ’58 e di altri sei film della serie) alla rockstar Alice Cooper, fino ai superstiti della serie televisiva, mimetizzati fra gli ospiti di una festa.
Leggenda vuole che Johnny Depp (come Burton e la Pfeiffer) sia un fan sfegatato del telefilm fin da ragazzino, e che avesse giurato di diventare come Barnabas; c’è riuscito quasi mezzo secolo dopo, interpretando (e co-producendo) questa versione cinematografica. Vedendo fra le comparse l’ormai anziano Jonathan Frid, il protagonista della vecchia serie tv, Depp si è avvicinato pieno di riverenza sussurrandogli: «Senza di lei tutto questo non sarebbe mai esistito». Ironia della sorte, il vecchio Frid è scomparso il 13 aprile, giusto un mese prima dell’uscita del film. Ma i vampiri, in fondo, non muoiono mai.

Scan magazine:

Fonte  | Commenta sul forum.

Dark Shadows-Parla Michelle Pfeiffer: «Con Tim Burton sono stata spudorata»

Il sex symbol americano divide lo schermo con il vampiro Johnny Depp in Dark Shadows. Ecco come sono andate le cose dietro le quinte:
 
La serie Dark Shadows è un pezzo di storia televisiva americana. Eri una fan anche tu?
«Sì e credevo di essere una fan accanita e di essere l’unica che correva a casa per non perdere neanche un minuto della serie, ma poi ho scoperto che era quello che facevano tutti i bambini d’America. Questo show ha sempre avuto un pubblico enorme e non me ne ero mai accorta.

È vero che hai chiamato Tim Burton e gli hai apertamente chiesto di poter interpretare Elizabeth?

«La cosa strana è che un giorno parlavo con mio marito di tutti questi film basati su vecchie serie tv, e io ho detto “Qualcuno dovrebbe fare un film basato Dark Shadows!” Due mesi dopo sono venuta a sapere che Tim Burton stava per acquistare i diritti della serie perché voleva farne un film con Johnny, e ho pensato che fosse destino: dovevo essere in quel film. A quel punto… Sì, lo ammetto. Sono stata spudorata, l’ho chiamato. Ma lui è stato gentile e mi ha scelta per la parte.
Faccio ancora fatica a crederci».

Come sei entrata nei panni del tuo personaggio?
«Recitazione a parte, è stato tutto merito di Colleen Atwood. E di un duo di truccatori, Ronnie Specter e Carol Hemming, davvero fantastico. Tim è un genio e sceglie sempre i migliori collaboratori nel campo, ed è bellissimo lavorare tutti i giorni con persone così creative e visionarie. È un’opportunità davvero rara, un’esperienza che vorresti non finisse mai. Ho avuto la stessa sensazione quando ho girato Batman».

Com’è stato lavorare invece con Johnny Depp e Tim Burton?
«Sono dei visionari e magari anche un po’ eccentrici, e per questo immagini che abbiano dei comportamenti sopra le righe, ma in realtà sono umili, simpatici e gentili. Sono due persone con i piedi per terra».

Avete lavorato all’interno di un set davvero elaborato… Ricordi qualche aneddoto in particolare?
Abbiamo girato molte scene in cui c’era praticamente tutto il cast intorno a un tavolo. Alla fine siamo diventati davvero come una grande famiglia».

Fonte | Commenta sul forum.

Johnny Depp & Tim Burton – Nuovo servizio fotografico 2012

In occasione della    promozione di Dark Shadows, Johnny e Tim Burton si è prestata per qualche suggestivo scatto fotografico.

Clicca sulla foto sotto per accedere alla gallery.

Fonte:johnnydepp.ru

Commenta sul forum.

Update photos – Dark Shadows after party di Londra

Una foto scattata al’ after party della premiere di Dark Shadows a Londra, il 9 Maggio. Ralph Steadman, Johnny Depp e Tim Burton.

 

Sadie snapped this picture at the european premier of ‘Dark Shadows’ last night in London, a great night had by all.

— con Ralph Steadman, Johnny Depp e Tim Burton

Fonte | Commenta sul forum.